Open      
motore di ricerca

Anello di Torre

Tempo di percorrenza: 3 ore - Torre, Case Cantini, rio Barbogli, Torre

Difficoltà: il tratto in salita che riporta a Torre richiede un po' d'impegno, il resto è facile

Caratteristiche del percorso: posto sul confine occidentale del comune, l'anello scende dentro la boscosa valle del rio Barbogli, facendo visita ai più curiosi eventi geologici del territorio, le salse.

Itinerario:

Partendo a piedi da Torre si prende la prima strada a sinistra della chiesa; costeggiando il lato orientale del Monte Cagliara si giunge sopra il piccolo abitato della Costa di Torre. Giunti all'incrocio con la strada che a sinistra porta a Case Cantini, si percorre il versante nord del monte. Si prosegue nel sentiero erboso che più avanti porta alle due salse di Torre, circondate dal canneto e da alcuni pioppi.

Le salse, chiamate localmente barboi, sono fuoriuscite dal terreno di gas, soprattutto metano, acqua di falda ricca di sali e fanghi, che raggiungono la superficie tramite spaccature chiamate faglie. La risalita dell'acqua avviene sottopressione e coinvolgendo le rocce circostanti il condotto, le rimuove portandole alla luce sotto forma di fango.

Il percorso continua lungo la valle del Rio Barbogli, particolarmente umida.

Si prosegue a sinistra di un campo coltivato percorrendo il sentiero leggermente in salita, arrivando in un buon punto panoramico. Si possono ammirare il tratto della Val Termina di Torre da colle di Guardasone fino ai colli sopra Neviano e Mulazzano.

Si continua a percorrere il sentiero per tornare sulla strada asfaltata che riporta, scendendo a destra, fino a Torre.

 

 
Contatti
  • Ufficio Ambiente
  • tel. 0521 344539 / 0521 344522
  • Fax: 0521 344550 
  • Email: ronzoni@comune.traversetolo.pr.it
    gallani@comune.traversetolo.pr.it
  •  
  •  
Pubblicato il lunedì 6 febbraio 2017
Aggiornato il lunedì 6 febbraio 2017