Esproprio per realizzazione condotte acque reflue - Comune di Traversetolo

archivio notizie - Comune di Traversetolo

Esproprio per realizzazione condotte acque reflue

Esproprio per realizzazione condotte acque reflue

 
Esproprio per realizzazione condotte acque reflue

AVVISO DI DEPOSITO - AI SENSI ARTICOLO 16, COMMA 2, LEGGE REGIONALE 19 DICEMBRE 2002 N° 37 - DEL PROGETTO DEFINITIVO DEI LAVORI PER IL “RISANAMENTO DEL TERRITORIO DEI COMUNI DI NEVIANO DEGLI ARDUINI, TRAVERSETOLO, MONTECHIARUGOLO E LESIGNANO DE’ BAGNI - LAVORI DI REALIZZAZIONE CONDOTTE DI ACQUE REFLUE 1° STRALCIO - RAMI A - D - E”

Ai sensi dell’articolo 16, comma 2, della Legge Regionale 19 dicembre 2002 n° 37, è depositato per venti giorni presso L’Ufficio Espropri del Comune di Traversetolo - autorità espropriante (Piazza Vittorio Veneto n° 30 – Traversetolo) – il progetto definitivo dei lavori di cui all’oggetto accompagnato da un allegato indicante le aree da asservire permanentemente ed i nominativi di coloro che risultano proprietari secondo le risultanze dei registri catastali (oltre che da relazione indicante natura, scopo e spesa presunta dell’intervento).

L’approvazione del progetto definitivo comporterà la dichiarazione di pubblica utilità dell’opera - a norma dell’articolo 15, comma 1 lettera a), della Legge Regionale 19 dicembre 2001 n° 37.

Le aree interessate insistono nel Comune Censuario di Traversetolo.

I proprietari e coloro ai quali possa derivare un pregiudizio diretto dall’approvazione dell’atto possono prendere visione del progetto entro la scadenza del termine di deposito e presentare osservazioni entro i successivi venti giorni.

In sede di approvazione del progetto definitivo verrà effettuato esame puntuale delle osservazioni presentate.

Si precisa che la presente  pubblicazione

  • assolve – visto l’articolo 56, comma 1, della legge Regionale 30 luglio 2013 n° 15 - agli obblighi di pubblicazione su carta stampata previsti dalla Legge Regionale 19 dicembre 2002 n° 37;
  • prende luogo della comunicazione individuale con riferimento ad eventuali proprietari risultanti dai registri catastali ma irreperibili, assenti o defunti – visto l’articolo 19, commi 1 e 2, della Legge Regionale 19 dicembre 2002 n° 37.

Soggetto proponente l’intervento è la società “IRETI S.p.A.” - gestore del Servizio Idrico Integrato.

Responsabile del procedimento espropriativo è la sottoscritta Dott. Ing. Serena Pagani.


Pubblicato il 
Aggiornato il