“C’è una chiamata per te!”, un nuovo progetto di comunità per Traversetolo - Comune di Traversetolo

archivio notizie - Comune di Traversetolo

“C’è una chiamata per te!”, un nuovo progetto di comunità per Traversetolo

“C’è una chiamata per te!”, un nuovo progetto di comunità per Traversetolo

 
“C’è una chiamata per te!”, un nuovo progetto di comunità per Traversetolo

Si dice che “l’unione fa la forza”. Sempre, e, a maggior ragione, nei momenti più impegnativi. Come quello che abbiamo appena attraversato, la pandemia da covid-19, con tutto ciò che ha portato con sé e con le conseguenze che continuerà a portare nelle nostre vite, in termini di comportamenti da seguire e di misure precauzionali da osservare, dal distanziamento fisico all’utilizzo della mascherina. Anche il rientro a scuola a settembre per tanti bambini e ragazzi sarà più complesso del solito. E allora l’Amministrazione comunale, insieme ad Auser Volontariato Parma, si rivolge alla cittadinanza tutta di Travesetolo perché unisca le sue forze e si faccia, ancora una volta e ancora di più, comunità.

E chiede, con il progetto “C’è una chiamata per te!” ai “ragazzi” e alle “ragazze” dai 18 ai 99 anni di dedicare un po’ del loro tempo ad attività di volontariato, di supervisione e vigilanza, soprattutto, ma non solo, in ambito scolastico. Perché serviranno persone disponibili a supportare i servizi scolastici comunali affinché si svolgano in condizioni di sicurezza e nel rispetto delle norme in vigore. Qualche esempio? Monitorare che i ragazzi sui pulmini del trasporto scolastico stiano seduti nei posti opportunamente distanziati, che entrino ed escano da scuola mantenendo il distanziamento e con le mascherine, che a mensa stiano seduti nei loro posti, senza assembramenti. Ma non solo. Ci si potrà impegnare anche per portare i libri della biblioteca in prestito ad anziani ed evitare loro di uscire di casa, per presidiare un varco all’interno del mercato domenicale e consentire il regolare flusso delle persone, per fare opera di presenza durante un evento o una mostra e favorire il rispetto delle prescrizioni. Si tratta di attività di semplice “sorveglianza”, che non richiedono titoli di studio o esperienze specifiche, ma una (semplice) formazione di base.

 

“Traversetolo ha un patrimonio assai ricco di associazioni di volontariato, che spaziano dal campo sanitario a quello culturale e ricreativo, e che, ognuna nel proprio settore, sono sempre impegnate in prima linea – sottolinea il sindaco Simone Dall’Orto -. Durante la pandemia, che speriamo terminata nella sua fase acuta e ci auguriamo non si ripresenti più con tanta aggressività, molte persone che magari non fanno capo a un’associazione in particolare si sono messe a disposizione per essere d'aiuto alla collettività. Alla luce di questa generosità, l'Amministrazione fa un appello a chiunque abbia la possibilità di donare qualche ora di unirsi, in un progetto organizzato, agli sforzi delle associazioni e a quelli che il Comune in primis mette in campo nella quotidianità. In questo momento particolare, in cui è necessario riscrivere un po' le abitudini del nostro vivere, occorrono nuove forze e nuova linfa. Oltre a essere un forte segnale di appartenenza alla comunità, penso che possa essere gratificante sentirsi parte di un progetto collettivo”.

“Il tessuto sociale, soprattutto nelle piccole realtà, è sempre molto sostenuto dal volontariato – aggiunge l’assessore all’Associazionismo Laura Mattioli -. Così anche a Traversetolo. Vista questa sua importanza, a maggior ragione in questo periodo difficile, l’aiuto di quante più persone possibile in diverse situazioni sarà indispensabile. Penso ad esempio alla scuola, dove i nostri bambini e ragazzi dovranno tornare per riprendere la vita normale, la cui gestione, però, dovrà essere garantita in modo ancora più accurato. Questo progetto va a sollecitare il senso civico delle persone, e sono convinta che i traversetolesi ne daranno prova anche in questa occasione e che in tanti vorranno fare la loro parte per la sicurezza e la prosperità del paese”.

 

Le attività partiranno a settembre. Per dare la propria disponibilità, che dovrà essere continuativa, basta compilare il coupon che si trova nella seconda pagina del volantino allegato e metterlo nell’apposito raccoglitore all’ingresso posteriore del municipio o direttamente online al link allegato entro il 15 agosto 2020.

Per tutte le informazioni sono disponibili Lorena e Ilaria ai numeri 0521 344545/559.

 

 


Pubblicato il 
Aggiornato il