Omaggio agli anni '60 con il concerto "Quei favolosi anni '60" - Comune di Traversetolo

Eventi - Comune di Traversetolo

Omaggio agli anni '60 con il concerto "Quei favolosi anni '60"

Omaggio agli anni '60 con il concerto "Quei favolosi anni '60"
Omaggio agli anni '60 con il concerto 'Quei favolosi anni '60'

Decimo e penultimo appuntamento della rassegna di eventi “Musica a Corte” sarà il concerto Quei favolosi anni ’60 venerdì 16 settembre 2022 alle ore 21 in Corte Agresti.

 

A salire sul palco saranno alcuni dei protagonisti di quell’indimenticabile e straordinario periodo, che ha regalato sogni e grande musica: I Corvi, Gian Pieretti e Mal dei Primitives, ognuno di loro con i più grandi successi che hanno caratterizzato le rispettive carriere. I Corvi, nella rinnovata formazione e con lo storico batterista Claudio “Tritolo” Benassi, Gian Pieretti, tra i protagonisti del beat italiano, e non solo, famoso per la storica “Pietre”, e Mal, per un tocca di internazionalità.

 

Organizza Pro loco Traversetolo.

 

Ingresso 10 euro. Acquisto biglietti in loco a partire dalle ore 20.

 

Per informazioni: 0521 344583, www.comune,traversetolo.pr.it, pagina Facebook del Comune

 

LA STORIA


E’ il 1965 quando Claudio Benassi, insieme ad Angelo Ravasini, fonda il complesso I CORVI. Con loro Gimmi Ferrari, Fabrizio “Billo” Levati, cui si aggiunse poi Alfredo, diventato il quinto elemento a tutti gli effetti. Claudio “Tritolo” Benassi è ora l'ultimo ragazzo di strada, il testimone di quella grande avventura musicale che ha segnato la musica degli anni ‘60 e influenzato quella successiva fino a oggi. I Corvi sono stati protagonisti del beat italiano, precursori a pieno titolo di quello che oggi è il genere “indie”. Tra i loro brani storici ci sono Sospesa ad un filo, Bambolina, C'è un uomo che piange, Un ragazzo di strada, Luce, Bang Bang, fino ad arrivare alla produzione più recente, come il singolo L'ultimo dei Corvi.

Dopo il successo rapido e inarrestabile, tante sono state le trasformazioni del gruppo, fino ad arrivare, dopo la sofferta perdita dei compagni di viaggio, alla nuova vita della band e alle sue nuove canzoni.

La composizione attuale è: alla tastiera Mirco Rivara, chitarra solista Pietro Amoretti, basso Beppe Tavone, voce Lorenzo Cavazzini, e, naturalmente, Claudio Benassi alla batteria.


GIAN PIERETTI nel 1959 inizia a suonare nel gruppo I Satelliti, che accompagna Ricky Gianco.

Sempre con Gianco inizia a comporre canzoni. Durante una serie di serate in Belgio ha modo di ascoltare una canzone di Salvatore Adamo, con cui si esibiscono in una manifestazione, Amour perdu, di grande successo all’epoca.

Comincia quindi a far serate in proprio con un suo gruppo di accompagnamento, I Grifoni, che diventeranno, con qualche cambiamento nella formazione, i Quelli e, in seguito, la Premiata Forneria Marconi.

Partecipa al Festival di Sanremo in coppia con Antoine con Pietre, ancora una volta scritta con Gianco, canzone ispirata a Bob Dylan.

Scrive anche molte canzoni di successo per altri artisti.

Negli anni settanta lavora con Ivan Graziani.

Torna sul mercato solo nel 1989 che gli consente di riprendere l’attività dal vivo e viene inoltre chiamato come ospite in alcuni programmi di revival sugli anni 1960.

Nel 1997 pubblica il live Caro Bob Dylan…, in cui propone anche una sua versione di Auschwitz di Francesco Guccini. Nel 2016 e nel 2017 lavora a un nuovo album, dedicato al repertorio di Bob Dylan, di cui traduce in italiano alcune canzoni


MAL nel 1965 comincia con I Primitives i primi spettacoli al Piper di Roma, il locale più di tendenza in quegli anni per il beat italiano. Il successo porta i Primitives a incidere un album per l'etichetta Piper Club, intitolato Blow Up, con alcune delle canzoni che suonano dal vivo, come Yeeeeeeh! Che riscuote un grande successo, bissato qualche mese dopo da L'incidente.

La casa discografica punta decisamente sul cantante, che riscuote molto successo personale: di fatto quindi comincia la carriera solista di Mal, anche se il complesso lo accompagna ancora, specialmente negli spettacoli dal vivo.

Mal riscuote un grande successo fino alla fine della decade, con brani quali Bambolina, Tu sei bella come sei e Occhi neri occhi neri.

Pensiero d'amore (cover di I've Gotta Get a Message to You dei Bee Gees) arriva al primo posto della classifica stazionandovi per quattro settimane.

Ritorna in cima alle hit parade nel 1975 con una versione in chiave moderna della celebre canzone di Vittorio De Sica Parlami d’amore Mariù. Nel 1977 ottiene un successo ancora più grande con Furia, sigla dell’omonima serie di telefilm, protagonista il "cavallo del West". A questa fanno seguito altre sigle per il mercato infantile legate a trasmissioni a cui Mal prende parte.

--- --- ---

Una cordata di realtà locali ha reso possibile il Festival “Musica a Corte” che, organizzato dal Comune di Traversetolo, ha come main sponsor Fondazione Cariparma. Hanno dato il loro prezioso contributo, oltre a Fondazione Magnani-Rocca: AF Sistemi, Bieffedue, Bucci Costruzioni, Carra Mangimi, Famila, Fontana Gabriele, Fornovo Gas, Montanari e Gruzza, Natura dei Colli, Prosciutteria Trascinelli, Veicopal, Wab, Continental Semences, E80 Group, IREN 2000, Mutti spa, Oinoe, RecsArchitecs, Terre Ducali.


E numerose sono le collaborazioni artistiche e/o organizzative: Asian Youth Orchestra e i suoi Maestri, Gianpaolo Cantoni e Gran Ducato Band con il Maestro Alberto Venturini, Centro culturale Traversetolo, I Sequencer, Alexander Duo, A.Vo.Pro.Ri.T. Traversetolo, Matteo Manfredini e Enrico Salimbeni, I Solisti delle Terre Verdiane, La Toscanini, Festival della Parola - Rinascimento 2.0, Pro loco Traversetolo, Teatro Regio di Parma e Verdi Off 2022, band I Corvi.

 

  • categoria: Concerti
  • quando:
Pubblicato il 
Aggiornato il