Ma quante ne so? I tesori nascosti di Traversetolo - Comune di Traversetolo

archivio notizie - Comune di Traversetolo

Ma quante ne so? I tesori nascosti di Traversetolo

Ma quante ne so? I tesori nascosti di Traversetolo

 
Ma quante ne so? I tesori nascosti di Traversetolo

Ma quante ne so? I tesori nascosti di Traversetolo:

il contest internazionale per gli italiani lontani dall’Italia,

con premi squisitamente made in Parma

 

Si è concluso lo scorso  7 novembre il contest “Ma Quante Ne So? I tesori nascosti di Traversetolo”, il quiz online internazionale nato per incuriosire e coinvolgere la comunità globale di italiani e studenti di italiano nel mondo sulle particolari storie racchiuse dentro ogni pezzo della preziosa collezione del Museo Renato Brozzi di Traversetolo.

Il progetto “Ma Quante Ne So? I tesori nascosti di Traversetolo”,  realizzato dal Comune con il supporto delle società Arternative e Creative Keys ha vinto il bando 2021 della Consulta degli Emiliano Romagnoli nel Mondo della Regione Emilia-Romagna, che  ha l’obiettivo di attivare interventi di carattere sociale, culturale e formativo rivolti in primis agli emiliano romagnoli nel mondo, come appunto progetti per la diffusione della lingua e della cultura italiana.
Il quiz on line ha visto una elevata partecipazione:  ai vincitori esteri verrà recapitato un pacco con le eccellenze enogastronomiche locali, mentre ai vincitori tra i “giocatori” italiani verranno inviati 4 biglietti omaggio per l’ingresso al Museo Brozzi; infine saranno donati dei libri in lingua italiana dalla Biblioteca comunale alla Scuola “Mamma Mia” di Liverpool, che ha partecipato al quiz insieme ai suoi alunni.

A concorrere per i premi “Made in Parma” sono stati infatti 68 giocatori da 6 nazioni diverse (Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Argentina e Brasile) che hanno superato domande di italiano, nozioni sull’accessibilità, video con il giovane Renato Brozzi, quiz fotografici e percorsi interattivi con le opere dell’artista.  Dalla Cina al Canada, passando per Spagna e Venezuela, tra le 12 associazioni di Emiliano Romagnoli nel mondo accreditate, quella con più affiliati al gioco è stata l’Associazione Emilia-Romagna di Stoccarda, in Germania. 
Gli altri 3 pacchi “Made in Parma” partiranno presto verso Inghilterra, Germania e Francia per raggiungere i giocatori che hanno ottenuto i punteggi più alti in graduatoria, grazie al numero di risposte corrette nel minor tempo possibile: una piemontese trapiantata nella terra dei Beatles (51 punti), una giocatrice italo-tedesca della Sassonia (47 punti) e una toscana all’ombra della torre Eiffel (45 punti).

I 3 carnet di 4 biglietti gratuiti messi a disposizione dal Museo Brozzi per chi ha giocato dall’Italia, sono stati invece assegnati a 2 giocatori singoli e a 1 gruppo che ha giocato come famiglia.

 

Il Museo Brozzi di Traversetolo, che già da tempo aveva cominciato a testare l’utilizzo di audioguide interattive e multimediali con percorsi costruiti ad hoc per persone con disabilità differenti, grazie alla collaborazione con giovani e creative consulenze esterne, ha proseguito questo filone tendente a favorire l’accesso in modalità on line, anche a fronte dei vincoli legati al covid 19. Di qui è nato il progetto Ma Quante Ne So? , per una massima accessibilità e fruizione culturale  del Museo Brozzi da parte di tutti, anche di un pubblico con disabilità.

 


Pubblicato il 
Aggiornato il