Ex Teatro Cesari: finanziamento regionale in arrivo - Comune di Traversetolo

archivio notizie - Comune di Traversetolo

Ex Teatro Cesari: finanziamento regionale in arrivo

Ex Teatro Cesari: finanziamento regionale in arrivo

 
Ex Teatro Cesari: finanziamento regionale in arrivo

Il progetto di restauro e rifunzionalizzazione dell’ex teatro Cesari si aggiudica un consistente finanziamento regionale

 

Oltre 600mila euro in arrivo dalla Regione Emilia-Romagna grazie alla partecipazione al bando “Rigenerazione Urbana 2021”

 

 

Il progetto di riqualificazione dell’ex teatro Cesari, di piazza Mazzini e degli spazi aperti limitrofi si è aggiudicato un finanziamento di oltre 600mila euro (per l’esattezza 624.750) grazie alla partecipazione al bando “Rigenerazione urbana 2021” promosso dalla Regione Emilia – Romagna.

Un risultato molto soddisfacente per l’amministrazione comunale di Traversetolo che al restauro e alla rifunzionalizzazione dell’ex teatro e dell’area circostante ha dedicato uno specifico e approfondito progetto triennale (2021/2024).

L’amministrazione guidata dal sindaco Simone Dall’Orto già nella scorsa legislatura aveva deliberato nel consiglio comunale del 29 luglio 2021 di anticipare all’annualità 2021 del piano triennale delle opere pubbliche il restauro del teatrino. Con la pubblicazione, nei primi giorni di agosto 2021, del bando di Rigenerazione urbana da parte della Regione Emilia-Romagna, l’amministrazione avviava la progettazione dell’intervento e successivamente un processo partecipativo che ha coinvolto la cittadinanza, le associazioni locali, le forze economiche e sociali e tutti i portatori di interesse.

L’attenzione del Comune si è incentrata sull’edificio, da anni in disuso e in condizioni di degrado, sia per la sua centralità nel contesto urbano cittadino sia per la sua originale destinazione pubblica, con importanti valenze culturali, aggregative, sociali, ludiche.

Grazie al recupero dell’ex teatro Cesari sarà riqualificata l’intera l’area del quartiere, che, al momento, rappresenta una “emergenza negativa” in quanto gli spazi aperti pubblici circostanti sono poco frequentati e conosciuti, con una percezione di scarsa sicurezza e senza una connotazione definita.

L’intervento di riqualificazione dell’immobile comprende, tra l’altro, il restauro interno ed esterno comprensivo di smontaggio e rimontaggio del tetto per consolidare il controsoffitto decorato, il restauro delle pareti, il rifacimento della pavimentazione, la sostituzione dei serramenti, la realizzazione degli impianti di climatizzazione e illuminazione, l’installazione dei sistemi audio video e degli arredi fissi, la fornitura del palco smontabile e degli arredi mobili, la realizzazione del piazzale di accesso. Nelle aree esterne e in piazza Mazzini si procederà a demolire porzioni asfaltate per creare aree verdi, a realizzare pavimentazioni armonizzate tra loro, ad adeguare l’illuminazione esterna, a installare sedute, arredi e verde. Per il futuro l’Amministrazione sta valutando anche una parziale modifica della viabilità della zona.

L’importo complessivo dei lavori, che verranno eseguiti tra luglio 2022 e dicembre 2024, è di oltre 890mila euro. I restanti costi, rispetto alla parte finanziata dalla Regione, saranno a carico del Comune.

Il percorso partecipativo per mettere a punto il progetto di riqualificazione, concluso a novembre 2021, ha rivelato un forte desiderio da parte della cittadinanza di poter tornare a godere dell’ex teatro e tutti cittadini e parti coinvolte hanno riconosciuto nella fascia più giovane il vero target dell’intervento. L’edificio diventerà quindi fulcro di attività pensate per i ragazzi e ragazze tra gli 11 e i 25 anni, con un forte coinvolgimento delle associazioni locali, a partire dalla Pro Loco, nella gestione degli spazi e nell’organizzazione delle iniziative. Il processo partecipativo ha individuato, tra le iniziative da svolgere nel teatrino convegni e conferenze, mercatini ed esposizioni di prodotti alimentari tipici locali, spettacoli musicali e teatrali, la creazione di un centro per i giovani per favorire momenti di aggregazione, animazione, formazione, co-working a sostegno dell’occupabilità e dell’imprenditorialità giovanile.


Pubblicato il 
Aggiornato il