Elezioni europee 2024. Si vota a giugno

In Italia, sabato 8 giugno dalle 15 alle 23 e domenica 9 giugno dalle 7 alle 23. Tutte le informazioni utili e le modalità di partecipazione. News: Voto studenti fuori sede e incarichi di scrutatore o presidente di seggio

Elezioni europee 2024. Si vota a giugno
Elezioni europee 2024. Si vota a giugno

Descrizione

Elezioni europee 2024
Tra il 6 e il 9 giugno 2024 si terranno le elezioni del Parlamento europeo, che viene eletto a suffragio universale da tutti i cittadini e le cittadine europei. Gli europarlamentari eletti in totale saranno 720, per l'Italia i seggi a disposizione saranno 76. 
 
Sono stati indetti i comizi elettorali. Si veda in Allegati
 
Tessere elettorali scadute
Si ricorda che alcune tessere elettorali potrebbero aver esaurito tutti gli spazi a disposizione per l’apposizione dei timbri di avvenuta votazione o possono essere state smarrite.
Si invitano, quindi, cittadini e cittadine a controllare la propria tessera e, se esaurita, a consegnarla all'ufficio Elettorale del Comune, che provvederà al rilascio del duplicato. In questo modo sarà possibile evitare lunghe attese il giorno delle votazioni.
 
Disponibilità a svolgere l’incarico di scrutatore o presidente di seggio elettorale per le elezioni europee dell’8 e 9 giugno 2024
Gli elettori del Comune di Traversetolo che, in occasione delle Elezioni europee di sabato 8 e domenica 9 giugno 2024 sono interessati a svolgere l’incarico di scrutatore o presidente di seggio elettorale e non risultano iscritti ai rispettivi Albi hanno la possibilità di comunicare la loro disponibilità compilando il modulo in Allegati. Dovranno compilare il modulo, sottoscriverlo e consegnarlo personalmente all’ufficio Elettorale oppure inviarlo tramite mail ai seguenti indirizzi: 
elettorale@comune.traversetolo.pr.it
protocollo@postacert.comune.traversetolo.pr.it
Per potere assumere il ruolo di presidente occorre avere conseguito almeno il titolo di studio di scuola secondaria di secondo grado e non avere compiuto il 70°anno di età; per potere essere nominati scrutatori di seggio è sufficiente avere assolto l’obbligo scolastico.
I nominativi delle persone disponibili a svolgere la funzione di scrutatore o di presidente di seggio verranno inseriti in apposito elenco aggiuntivo, ma avranno priorità alla nomina le persone già iscritte nei rispettivi Albi. Questi nominativi in elenco (secondo le disposizioni contenute nella circolare ministeriale n. 28/2024 del 5 aprile 2024) potranno subentrare nell’esercizio delle funzioni di scrutatore e, laddove strettamente necessario, anche di presidenti di seggio in tutti i casi idi improvvisa vacanza dei componenti originariamente nominati presso gli uffici Elettorali di sezione.
Le persone che danno la disponibilità a operare nell’ambito dei seggi elettorali saranno impegnate nelle operazioni elettorali con queste tempistiche: 
·       sabato 8 giugno 2024: dalle ore 7.30 fino alla conclusione dei lavori di insediamento dei seggi, e dalle 15 alle  23 (operazioni di voto);
·       domenica 9 giugno 2024: dalle ore 7 alle 23 e fino alla conclusione delle operazioni di scrutinio delle Elezioni europee.
 
Voto studenti fuori sede
Sono ammessi a votare fuori sede gli elettori residenti nel Comune di Traversetolo che, per motivi di studio, si trovano al di fuori della Regione Emilia - Romagna per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data delle elezioni. Se gli studenti fuori sede sono temporaneamente domiciliati in un Comune della regione Emilia – Romagna possono votare solo recandosi nel proprio seggio di Traversetolo.
Sono previste due modalità di voto: 
- Se lo studente fuori sede è domiciliato temporaneamente in un Comune appartenente alla stessa circoscrizione elettorale  Italia Nord- Orientale (regioni Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia) allora dovrà votare nelle sezioni ordinarie del Comune di temporaneo domicilio;
- Se lo studente fuori sede è domiciliato temporaneamente in un Comune appartenente a una circoscrizione elettorale diversa (cioè in regioni diverse da Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia) , allora dovrà votare nelle  sezioni speciali istituite nel Comune capoluogo della regione alla quale appartiene il Comune di temporaneo domicilio.
Gli elettori del Comune di Traversetolo che intendono esprimere il voto altrove come studenti fuori sede devono presentare all’ufficio Elettorale di Traversetolo apposita domanda, che si trova in Allegati,  via email a elettorale@comune .traversetolo.pr.it .o all’indirizzo pec protocollo@postacert.comune.traversetolo
Oltre alla domanda occorre allegare: copia di un documento di riconoscimento in corso di validità, copia della tessera elettorale personale, copia della certificazione o di altra documentazione attestante l’iscrizione presso un’istituzione scolastica, universitaria o formativa
La domanda deve essere inoltrata non oltre domenica 5 maggio 2024 ed essere revocata, se del caso, con le medesime modalità entro mercoledì 15 maggio 2024. Entro il 4 giugno 2024 il Comune di temporaneo domicilio oppure il Comune capoluogo della regione in cui è situato il Comune di temporaneo domicilio rilascia all’elettore una attestazione di ammissione al voto, con l’indicazione del numero e dell’indirizzo della sezione presso cui votare (che dovrà essere esibita al seggio unitamente al documento di riconoscimento e alla tessera elettorale).
 
Voto a domicilio
Gli  elettori affetti da gravissime infermità o che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali, che rendono impossibile l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano anche con l’ausilio dei servizi di trasporto gratuito ai seggi, hanno la possibilità di richiedere di votare presso il proprio domicilio. Gli interessati devono compilare un modulo in carta libera, attestante la volontà di esprimere il voto presso la propria abitazione.
La dichiarazione può essere presentata direttamente all'ufficio Elettorale negli orari di apertura al pubblico o spedita per mail/pec. La domanda con relativa documentazione deve pervenire tra il 40° e il 20° giorno antecedente le elezioni.
In Allegati il modulo per la domanda.
 
 
 
Indicazioni per specifiche categorie di votanti 
  • Cittadini italiani residenti in un altro Stato membro Ue 
Per quanto stabilito dall'art.22 Tfue (Trattato sul funzionamento dell'Unione europea), i cittadini italiani residenti in un altro Paese dell'Unione europea hanno facoltà di scegliere tra:
 
- Votare per gli europarlamentari del paese in cui si trovano
In questo caso è necessario attenersi alla normativa prevista dal Paese in cui si intende votare. È bene informarsi presso gli organi ufficiali di tale Paese per conoscere i criteri necessari e le modalità di voto. 
del Parlamento europeo in cui si possono consultare tutte le modalità di voto previste per ogni singolo Paese dell'Unione europea. 
 
- Votare per gli europarlamentari italiani 
All'estero il voto per i cittadini italiani è esercitato nei seggi elettorali istituiti presso gli uffici consolari o ambasciate.
Per votare è necessario essere iscritti all'Aire (Anagrafe Italiana residenti all'estero). 
Gli elettori iscritti all'Aire (senza la necessità di presentare un'apposita dichiarazione) riceveranno dal Ministero dell'Interno italiano il certificato elettorale in cui saranno indicate il luogo, la data e l'ora in cui sarà possibile votare. In caso di mancata ricezione del certificato elettorale, si può far domanda per un documento sostitutivo all'ufficio consolare di riferimento entro il 5° giorno antecedente alla data delle votazioni. 
In caso di rientro in Italia, si può votare presso il proprio Comune di iscrizione elettorale facendo apposita richiesta indirizzata al Sindaco del suddetto Comune entro il giorno precedente alle votazioni. 
Vige sempre il divieto di doppio voto. Tale divieto si applica anche nel caso in cui un soggetto sia in possesso di più cittadinanze di Paesi membri dell'Unione europea.
 
  • Cittadini italiani temporaneamente all'estero (in un Paese membro Ue
I cittadini italiani e i familiari con essi conviventi temporaneamente all'estero (in un Paese membro dell'Unione europea) per motivi di studio o lavoro possono votare anch'essi presso i seggi elettorali istituiti presso gli uffici consolari o ambasciate. Tale facoltà è subordinata alla presentazione di apposita domanda indirizzata al Sindaco del Comune italiano delle liste elettorali d'iscrizione. La domanda dovrà pervenire alla rappresentanza diplomatico-consolare di riferimento per il luogo del temporaneo domicilio entro 80 giorni dalla data delle votazioni (modulo in allegato). 
Per le Elezioni europee 2024 il termine tassativo per presentare la domanda è 21 marzo 2024. 
Per informazioni dettagliate sulla presentazione della domanda è preferibile contattare gli uffici consolari italiani del luogo in cui si ha temporaneo domicilio. 
In caso di rientro anticipato in Italia, si potrà votare presso il proprio Comune di iscrizione elettorale facendo apposita richiesta indirizzata al Sindaco del suddetto Comune entro il giorno precedente alle votazioni.
 
  • Cittadini italiani residenti in un Paese extra Ue 
Per i cittadini italiani residenti in un Paese non membro dell'Unione europea l'unica modalità consentita per l'esercizio del voto alle elezioni del Parlamento europeo è il rientro in Italia e votare presso il Comune in cui si è iscritti alle liste elettorali.
 
  • Cittadini europei in Italia
Modalità di partecipazione al voto per i cittadini europei non italiani
A norma dell'articolo 20 Tfue è cittadino dell'Unione europea chiunque abbia la cittadinanza di uno stato membro.
Uno dei diritti attribuiti dalla cittadinanza europea è quello di poter partecipare alle elezioni del Parlamento europeo. Tale diritto è riconosciuto su tutto il territorio dell'Unione. L'art 22 Tfue garantisce il diritto di voto anche a tutti coloro che risiedono in uno Stato membro Ue diverso da quello di cui hanno la cittadinanza.
I cittadini europei che si trovano in questa situazione possono scegliere tra:
- votare per gli europarlamentari del Paese Ue di cui hanno la cittadinanza
- votare per gli europarlamentari del Paese Ue in cui si trovano
Vige il divieto del doppio voto. Tale divieto si applica anche nel caso in cui un soggetto sia in possesso di più cittadinanze di Paesi membri dell'Unione europea.
Ad oggi non c'è una normativa europea condivisa da tutti gli Stati membri sulle modalità di voto: ogni singolo Stato adotta normative interne in merito, sia per quanto riguarda il voto dei suoi cittadini che non si trovano sul territorio nazionale, sia per accogliere il voto di altri cittadini europei presso i propri seggi.
 
Modalità di voto per cittadini europei in Italia
Per chi ha la cittadinanza di uno Stato membro dell'Unione europea diversa da quella italiana, per poter votare per gli europarlamentari in rappresentanza dell'Italia, il D.L. 24 giugno 1994, n. 408 prevede che vengano rispettare tutte le seguenti condizioni:
- Avere la maggiore età (aver compiuto 18 anni)
- Avere la residenza in un Comune italiano
- Essere iscritti alle liste elettorali del Comune in cui si ha la residenza
Per per poter richiede l'iscrizione alle liste elettorali aggiunte di un Comune italiano è necessario inviare una richiesta indirizzata al Sindaco del Comune di residenza. La richiesta deve essere effettuata almeno 90 giorni prima della data fissata per le elezioni.
 
L'iscrizione nelle liste elettorali aggiunte resta valida fino a quando non se ne chieda la cancellazione o questa venga effettuata dall'ufficio elettorale del Comune, pertanto non bisognerà ripresentare una nuova domanda di iscrizione per le successive elezioni del Parlamento europeo. Allo stesso modo se si è già presentata domanda e non sono intercorsi cambi di residenza la domanda non dovrà essere ripresentata.
 

Data: 23 Febbraio 2024

Allegati

Indizione comizi elettorali Elezioni europee giugno 2024

Domanda di ammissione al voto studenti fuori sede

Tipo di notizia

Notizia

Ultimo aggiornamento: 17 Aprile 2024, 12:40